Credit

Feb 5 2019

Pagare il Ticket, modulo esenzione ticket per reddito. #Modulo #esenzione #ticket #per #reddito


Ticket, compartecipazione alla spesa sanitaria e condizioni di esenzione

Il ticket è una quota che l’utente deve pagare quale compartecipazione alla spesa sanitaria su farmaci, visite ed esami specialistici.

L’importo del ticket è calcolato tenendo conto della fascia di reddito familiare fiscale lordo che deve essere autocertificata dall’assistito con l’apposito modulo. Per alcuni esami specialistici e per alcune prestazioni chirurgiche ambulatoriali la quota di ticket è fissa, indipendentemente dalla fascia di reddito di appartenenza.

Con l’autocertificazione, compilata una sola volta per ogni componente del nucleo familiare, la persona dichiara la propria fascia di reddito familiare fiscale lordo annuo e si impegna a comunicare eventuali futuri cambiamenti della propria fascia di reddito (vedi modulistica specifica). Chi non autocertifica la propria fascia di reddito dovrà pagare il ticket massimo, previsto per i redditi familiari superiori a 100.000,00 euro annui.

Le fasce di reddito previste sono così suddivise:

  • fascia 1 (codice RE 1): fino a 36.152 euro
  • fascia 2 (codice RE 2): da 36.153 a 70.000 euro
  • fascia 3 (codice RE 3): da 70.001 a 100.000 euro

Oltre i 100.000,00 euro l’autocertificazione non va fatta e l’assistito dovrà pagare la quota massima prevista del ticket. Chi, superando €. 100.000,00, modifica il reddito familiare annuo lordo precedentemente autocertificato, è tenuto a darne comunicazione all’Azienda USL utilizzando il modulo “revoca della fascia di reddito dichiarata”.

Qualora il dichiarante si accorga di aver commesso un mero errore materiale nell’autocertificazione della fascia reddituale, deve presentare il modulo ”autocertificazione del reddito: modifica per errore materiale”.

Tipologie di ticket e relativi importi

Come pagare il ticket

Esenzione dal pagamento del ticket

Per alcune categorie di utenti e/o in determinate condizioni, è prevista l’esenzione dal pagamento:

Chi ha un’esenzione totale dal pagamento del ticket non deve fare l’autocertificazione.

Chi ha un’esenzione parziale dal pagamento del ticket (ad es. per malattia rara, patologia cronica e invalidante….) dovrà fare l’autocertificazione per l’applicazione del ticket alle visite ed esami non esenti perché non relativi alla patologia per la quale è titolare di esenzione.

Modulistica

I moduli sono reperibili nei punti CUP, nelle farmacie, nelle sedi di patronati, Caf, sindacati e associazioni di categoria convenzionate, o possone essere scaricati da questo sito o dal portale E-R Salute

Link del Sistema Sanitario Nazionale e Regionale

Esenzione dal pagamento del ticket in base al reddito

Esenzione dal pagamento del ticket in base al reddito

Sono esenti dal pagamento del ticket in base al reddito:

  • i bambini di età inferiore ai 6 anni appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo inferiore a € 36.151,98 (codice esenzione E01)
  • i cittadini di età superiore a 65 anni, appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo inferiore a € 36.151,98; lesenzione è personale e non può essere estesa ai familiari a carico (codice esenzione E01)
  • i disoccupati, già precedentemente occupati alle dipendenze e loro familiari a carico, appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo inferiore a € 8.263,31, incrementato fino a € 11.362,05 in presenza del coniuge e di ulteriori € 516,46 per ogni figlio a carico. La condizione di disoccupato deve risultare al momento attuale (codice esenzione E02).

Nota Bene: Ai sensi del D.Lgs 150/15 (job acts) non è più richiesto di recarsi al centro per limpiego per richiedere lo stato di disoccupazione (che deve essere autodichiarato). Lo stato di disoccupazione e la DID (dichiarazione di immediata disponibilità) devono essere autodichiarati nello stesso modulo di autocertificazione per il rilascio dellesenzione.i titolari di assegno (ex pensione) sociale e familiari a carico (codice esenzione E03)

  • i titolari di pensione al minimo, di età superiore a 60 anni e familiari a carico, appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo inferiore a € 8.263,31 , incrementato fino a €11.362,05 in presenza del coniuge a carico e di ulteriori € 516,46 per ogni figlio a carico (codice esenzione E04)
  • Il reddito considerato è riferito allanno precedente.

    La persona interessata chiede alla propria Azienda Usl il rilascio dellapposito “Certificato di esenzione dal pagamento del ticket in base al reddito”.

    Il certificato di esenzione va presentato al medico e allo specialista al momento della prescrizione di visite, esami, farmaci e lesenzione deve essere indicata in ogni ricetta.

    Il certificato di esenzione ha validità annuale, con scadenza al 31 dicembre e va rinnovato ogni anno. Se le condizioni di reddito cambiano nel corso dellanno e non si ha più diritto allesenzione, occorre comunicarlo tempestivamente alla propria Azienda Usl e non attendere la scadenza al 31 dicembre.

    Per le persone con più di 65 anni il certificato ha validità illimitata, se restano le condizioni di reddito che danno diritto allesenzione. Se invece il reddito ha superato i limiti previsti anche le persone con più di 65 anni devono darne comunicazione tempestiva alla propria Azienda Usl.

    Per i bambini fino a 6 anni il certificato di esenzione è rinnovato automaticamente dufficio dallAzienda Usl ed è valido fino al giorno che precede il compimento dei 6 anni di età (non deve più essere rinnovato alla fine di ogni anno), se il reddito familiare annuo si mantiene inferiore a € 36.151,98. Se il reddito non rientra più entro i limiti stabiliti si interrompe il diritto all’esenzione e i genitori sono tenuti a comunicarlo subito all’Azienda Usl.

    LAzienda USL è tenuta a controllare il contenuto di tutte le autocertificazioni e degli atti di notorietà, quindi anche le dichiarazioni sul reddito, verificando che sia vero quanto dichiarato.

    Lautocertificazione di dati non veri è perseguibile penalmente in base allart 76 del DPR 445/2000.

    Se sono stati dichiarati dati non veri, anche a distanza di anni, la persona dovrà versare tutti gli eventuali ticket indebitamente non pagati per prestazioni sanitarie di cui ha usufruito.


    Written by SAVINGS


    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *